Alcuni dopo aver capito a che cosa serve una camera climatica, si potrebbero chiedere che tipo di prodotti possono essere testati. Per farla breve, si può testare praticamente qualsiasi cosa all’interno di una camera climatica. Infatti, questi strumenti permettono di sottoporre a prove ambientali pressoché ogni genere di materiale, semilavorato o prodotto finito grazie alle diverse dimensioni.

Tutto quello che viene messo in commercio all’interno dell’unione europea deve per forza essere sottoposto a test e prove climatiche poiché si tratta di garantire la sicurezza del consumatore finale. Una prova ambientale in camera climatica deve confermare le caratteristiche e peculiarità di ogni singolo prodotto secondo quanto stabilito dagli organi ufficiali di regolamentazione.

Settore automobilistico

Il settore automobilistico fa largo uso delle camere climatiche poiché tutta la componentistica, accessori e altre parti che compongono un’automobile vanno sottoposte a test e prove ambientali. In particolare in questo caso, si fa ricorso a camere climatiche di grandi dimensioni, talmente grandi da poter anche essere chiamate camere walk-in.

Settore tessile

La maggior parte dei test in camere climatiche coinvolgono prodotti tessili, abbigliamento e calzature poiché occorre indicare la reazione di un abito a determinate condizioni climatiche come ad esempio temperature estreme o alta umidità al fine di capire quanto può durare il suo ciclo di vita e.

Settore aeronautico, difesa, telecomunicazioni

Altro ambito che spesso fa ricorso a test in camere climatiche riguarda quello aeronautico. Nel settore della difesa e delle telecomunicazioni occorre sottoporre i vari materiali, semilavorati e prodotti finali a test climatici che simulino condizioni estreme cioè temperatura molto alte o molto al di sotto dello zero termico ma anche alto tasso di umidità, urti, vibrazioni.

Settore alimentare

Anche il settore alimentare usa le camere per le prove ambientali durante i test che simulano letteralmente ciò che accade su uno scaffale di un supermercato. Lo scopo è verificare il livello di resistenza del prodotto una volta che ha lasciato la fabbrica. Naturalmente, in questo processo viene testato anche il packaging cioè la confezione esterna che deve proteggere il prodotto alimentare destinato alla vendita.

 

Di Grey