Sebbene tu abbia migliorato l’immobile e fissato un prezzo ragionevole, non è detto che sia abbastanza per vedere in fretta. Infatti, un ruolo decisivo per vendere la tua casa lo gioca l’annuncio. Se non

Il titolo: le informazioni principali

Concentra le tue energie sulla scelta del titolo che deve includere le informazioni principali. In linea di massima, un annuncio di vendita immobiliare deve contenere il tipo di immobile (bilocale, trilocale, villetta), la zona, un aggettivo che la possa identificare e attiri l’attenzione sulla vendita case San Lazzaro di Savena. Alcuni esempi potrebbero essere: classe A, luminoso, ristrutturato, ampio, immerso nel verde. Sono tutte informazioni che aiutano a vendere!

Le foto: di qualità e in un numero adeguato

Un capitolo a parte va riservato alle foto che sono essenziali, tantissime volte, gli interessati guardano solo le foto senza nemmeno leggere la descrizione, tanto per iniziare, le fotografie devono essere di qualità, scattate con un buon obiettivo, non sfocate e con la giusta illuminazione. Apri le tende, tira su gli avvolgibili, riordina e fai un paio di scatti per ogni ambiente. Non possono mai mancare alcuni scatti del bagno e della cucina che sono aree fondamentali per qualunque acquirente. Seleziona una fotografia per ambiente perché pubblicare tutte le foto è eccessivo e inutile.

La descrizione: come inserire le informazioni

Partiamo subito dicendo che una descrizione troppo lunga è controproducente perché raramente i potenziali acquirenti la leggeranno tutta. Al contrario, una descrizione troppo breve impedisce di essere dettagliati. E allora come fare? Il segreto per scrivere un buon annuncio di vendita è essere sintetici.

Non occorre, infatti, scrivere un romanzo per pubblicizzare la vendita di una casa. Le informazioni devono essere scarne e, allo stesso tempo, complete. Metti in grassetto le informazioni principali affinché risultino immediatamente individuali e restino impresse. Indica il prezzo, la metratura, il numero di stanze e bagni, il tipo di riscaldamento, il numero di balconi, le eventuali pertinenze (giardino, cantine, garage), gli eventuali posto auto di proprietà, l’entità delle spese condominiali, se presenti, il piano e la presenza o meno di un ascensore. Evita, infine, frasi passivo – aggressive come astenersi perditempo che sono proprio demodé.

Di Grey